L'IMMERSIONE RACCONTATA DA ...
Roberta e Mauro

 


 

Razza Point

 

15 agosto 1997

E’ una splendida giornata ed il mare è fantastico.
Alcuni amici ci riferiscono che "scandagliando" il braccio di mare che divide l’isola della Maddalena con gli isolotti dei Barrettinelli hanno notato una secca con un dolce degrado della profondità fino al sommo a circa -25 metri.
Ritiriamo le attrezzature sub dal Diving di Cannigione ed usciamo con il nostro gommone con l’intento di esplorare i fondali che ci hanno segnalato.
Appuntamento alle ore 9 alla Maddalena con il resto del gruppo e via verso Barrettinelli appena lasciata l’estrema punta della Maddalena traguardando avanti a noi gli isolotti iniziamo a scandagliare per trovare il sommo, ancore in acqua e boe segna sub ben in evidenza (è agosto e per mare siamo in molti!!).
Un tuffo per rinfrescarsi, l’acqua limpidissima invita l’uso della maschera per uno sguardo giù, subito la prima emozione, si vede perfettamente il fondo a -25 -30 metri e ci sembra di scorgere l’armonioso volteggio di grandi razze sotto di noi.
Fine del bagnetto! Indossiamo velocemente la nostra attrezzatura Scuba pianifichiamo l’immersione e giù; arriviamo tra mille bolle azzurre su un fondale chiaro ed accattivante, sembra di essere ai tropici, controlliamo l’ancora ed iniziamo la nostra passeggiata.
Le razze che avevamo visto dalla superficie non si vedono, poco male, il fondale è interessante per una bella esplorazione, grandi massi alti 5-7 metri si alzano dalla secca di sabbia e ci mostrano le tipiche bellezze delle pareti Sarde: Paramuricea, piccole Aragoste e qualche bel Cerniotto che guardingo ci osserva dalla sua tana.
Ad un tratto mentre passiamo nel canyon formato dalla vicinanza di due grossi massi, un guizzo!
E’ lui !
Un bell'esemplare di Trigone del diametro di circa un metro (pensando di essere stato tradito dal suo mimetismo sul fondo sabbioso) scivola da sotto la pancia di Andrea e "vola" lontano.
Abbiamo capito, dobbiamo guardare con più attenzione tra la sabbia; in pochi minuti individuiamo una decina di vispi occhioni che ci osservano da sotto un sottile strato di bianca sabbia.
Siamo sub rispettosi della tranquillità altrui, ma il desiderio di fotografare queste aggraziate creature è troppo forte, ci basta un piccolo movimento della mano nelle loro vicinanze, per farle scattare qualche metro più in là.
L’immersione è resa agevole dal fondale chiaro e dall’acqua limpidissima ma il profilo decisamente quadro ci richiama all’osservanza dei tempi d’immersione prestabiliti, durante la sosta di sicurezza continuiamo a vedere i nostri simpatici compagni di immersione svolazzare li giù e penso a questo splendido mare Sardo sempre generoso di sorprese !
Torniamo in barca e ci viene spontaneo battezzare il punto di immersione sul nostro GPS alle coordinate N 41.16.503 E 9.24.862 con il nome RAZZA-POINT.

Roberta e Mauro

 


torna al LogBook

torna alla HomePage di Diveitaly