L'IMMERSIONE RACCONTATA DA ...
Alfredo  

 



Big Brother  

Sicuramente l'immersione più bella non esiste, il solo fatto di essere in acqua è un gran piacere e ci riempie di gioia, ma qualche immersione ci offre spettacoli che non avremmo mai immaginato di vivere da protagonisti e ci lascia un ricordo superbo che ci accompagna per tutta la vita.
Eravamo alle isole "Brothers" e dopo aver effettuato due immersioni nella mattinata, ci accingevamo ad entrare in acqua per la terza volta e questa volta dalla barca che era ancorata alla punta sud dell'isola di Big Brothers. Io guidavo un gruppo di 5 persone e la nostra immersione prevedeva di dirigerci in direzione della parete ad est dell'isola, con ritorno alla barca; la profondità che avremmo dovuto raggiungere non doveva essere maggiore dei 40 metri. Appena entrati in acqua ci dirigiamo verso la punta sud per iniziare la discesa, quando sotto i miei piedi vedo passare una manta enorme e comunque stupenda che volteggia tranquillamente fino a scomparire dalla nostra visuale. I ragazzi già soddisfatti fanno cenno di tornare in barca, tanto ormai cosa possiamo vedere di più???
Proseguiamo invece, e vediamo branchi di Ricciole, carangidi e altro pesce pelagico, ah dimenticavo; anche degli "squali grigi", divenuti ormai di routine per noi!!
A quel punto,lascio il gruppo attaccato alla parete a circa 35 metri e decido di staccarmi da quest'ultima di alcuni metri, quando ecco apparire da lontano due splendidi "Martello" che si muovono all'unisono e tutto ad un tratto mi puntano velocemente!!! Debbo ammettere che non avevo preso in considerazione che trovarsi in presenza di due magnifici squali martello(probabilmente Mokarran)molto grandi ed io, scoperto senza parete alle spalle, mi dà un attimo di adrenalina, che svanisce non appena i due martelli, riprendono la loro pigra andatura e girano per i fatti loro, mi giro verso i miei ragazzi che increduli e pieni di gioia sembrano come me commossi da tanta grazia.
Stiamo rientrando verso la barca ed ancora sono emozionato per gli incontri di questo meraviglioso pomeriggio, quando arrivati alla scaletta faccio iniziare a salire i miei ragazzi, con lo sguardo verso il largo vedo una massa scura che si avvicina indistintamente, ma dopo pochissimo ne riconosco la bellisssima linea e il contorno di "pesci sergente" ecco un robusto Longimanus che ci "punta" fino a due-tre metri per poi deviare lentamente alla nostra destra! Decido che di emozioni ne abbiamo avute anche troppe, appena il Longimanus passa, risalgo per ultimo in barca non aspettando il suo ritorno che diventerebbe sempre più "interessato" ad ogni giro.
Appena a bordo i commenti si fanno urla di gioia perchè siamo consci che quello a cui abbiamo assistito è un evento eccezionale e non avremo (purtroppo) la fortuna di riviverlo spesso.

Alfredo

 

 


torna al LogBook

torna alla HomePage di Diveitaly