DA SUB A SUB

 

 

Racconto di una brutta esperienza

 

Una sera, io (Divemaster) con il mio istruttore andiamo ad affittare 4 bombole in un negozio per accompagnare due allievi O.W.D. in una piscina per effettuare una lezione di acque confinate. Entriamo negli spogliatoi e poi ci dirigiamo verso l'acqua. Poso l'attrezzatura per terra ed improvvisamente sento un rumore assordante. Spaventato corro nella sala da cui eravamo appena passati e vedo uno dei due allievi coricato per terra pieno di sangue. Immediatamente gli forniamo soccorso e noto che al suo fianco giace per terra la bombola priva di rubinetteria. Grazie al pronto intervento dell'ambulanza ed ad una serie di circostanze favorevoli ora il mio amico sta bene e se l'è cavata con un profondo taglio alla mano sinistra, una spalla lussata e tanti lividi.
Quanto sopra sembra che sia successo a causa di una rubinetteria difettosa o montata male. Non sono in grado di effettuare una disamina più approfondita in quanto l'attrezzatura è tuttora sotto sequestro.
Visto che l'incidente si è verificato recentemente in altre parti di Italia con conseguenze molto più gravi, vorrei porre l'accento su alcune basilari norme di sicurezza troppo spesso trascurate.

* Utilizziamo le apposite maniglie per il trasporto;
* Ogni qual volta che spostiamo una bombola (carico e scarico dalla vettura, operazioni
  di ricarica ecc.) evitiamo di puntare la rubinetteria verso il nostro corpo;
* Quando montiamo gli erogatori poniamoci in ginocchio dietro la bombola.

RICORDIAMOCI E INSEGNIAMO CHE LE BOMBOLE SONO CARICATE A 200 BAR E CHE QUINDI POTREBBERO TRASFORMARSI IN VERE E PROPRIE BOMBE.

Augurandomi che questo racconto possa contribuire a far diminuire gli incidenti in questa meravigliosa attività vi ringrazio e vi saluto.


Sergio Sinigaglia

 


torna a da sub a sub