PREMIO TRIDENTE D’ORO  2005

Il 10 settembre 2005 nella piazza di Ustica si è svolta la tradizionale cerimonia di consegna dei Tridenti d'Oro, premi che dal 1960, sono destinati a personalità  che si sono distinti nella valorizzazione del mare e delle attività  subacquee.
Il Premio, noto anche come il “Nobel” per coloro che hanno dato grandi contributi nell’impegno verso il mare, viene assegnato a personalità del mondo scientifico, tecnico, artistico, culturale e sportivo, che si sono particolarmente distinte in campo internazionale nelle attività subacquee.
Consiste in un tridente d'oro infisso su un pezzo di pietra lavica dell'isola di Ustica (vedi foto); comporta contemporaneamente il titolo di Accademico Tridente d'Oro e la cittadinanza onoraria del Comune di Ustica.
Gli insigniti del Premio vengono presentati all'Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee nel corso di una manifestazione  pubblica.

Tra i nomi particolarmente famosi che hanno ricevuto in passato il premio ci sono: Cousteau, Piccard, Bass, Benoit, Pallotta, Trockmorton, Frost, Buhlmann, Gianfrotta, Raban, Hass, Ferraro, Marcante, Edgerton, Cinelli, Taillez, Olschki, Cedrone, Pruneti, Ghisotti, Mayol, Ferri Ricchi, Majorca, Keller, Seki e molti altri.

Alberto Romeo ha  ricevuto il Tridente d’Oro per  "l'Attività  Divulgativa", con  questa motivazione formulata dall’Accademia  Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee: " Giornalista e Fotografo subacqueo, qualificato dalla Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee tra i  migliori dieci fotosub del mondo. Primo Campione Italiano di Fotografia Subacquea e vincitore di gare internazionali, autore di multivisioni, diaporami e filmati premiati in Italia ed all'estero. Fondatore del Gruppo Ricercatori ed Operatori Subacquei, ideatore e direttore artistico del Festival Internazionale dell’Immagine Subacquea di Palermo. Giornalista ed autore dinumerosi reportage in tutti i mari del mondo e di libri sulla fotografia subacquea e la sua storia, oltre che di medicina subacquea".

 

Alberto Romeo, medico chirurgo traumatologo e medico dello sport esperto in medicina subacquea, e giornalista; è  stato il primo campione italiano di Fotografia Subacquea (1984), la Confederazione Mondiale delle Attività Subacquee  lo ha inserito fra i migliori 10 fotografi subacquei al mondo per 4 anni consecutivi (1987-1990). Collaboratore delle più importanti riviste del settore subacqueo come Mondo Sommerso, Il Subacqueo e Sub, dove ha pubblicato reportages realizzati in tutti i mari del mondo; ha pubblicato anche alcuni libri, “ Fotosub, fotografia e caccia fotografica”, “Eolie”, “ Medicina Subacquea”, “Storia & Storie della Fotocinematografia Subacquea Italiana, biografie dei protagonisti visti da vicino”, “ Storia della Fotografia e Cinematografia Subacquea Italiana “.
Fondatore del Gruppo Ricercatori ed Operatori Subacquei (1973), la prima associazione sportiva italiana di subacquei protezionisti ed ideatore e direttore artistico per 13 anni del Festival Internazionale dell’Immagine Subacquea di Palermo (1981-1993). E’ stato uno dei primi fotografi subacquei a dedicarsi alla multivisione, realizzando nei primi anni ’80 proiezioni a sette proiettori. Ha il privilegio di essere citato nell’Enciclopedia Treccani alla voce fotografia subacquea, sue foto sono state proiettate o si trovano in musei ed istituzioni  in varie parti del mondo: a New York al American Museum of Natural History, ad Antibes al Festival International de l’ Immage Submarine, a Lisbona ed alle Azzorre presso il Centro Portugues des Activtades Subquaticas,  a Durban in Sud Africa, al Congresso Mondiale sui Parchi Marini, ad  al Khobar in  Arabia Saudita presso il Sultan Bin Abdulaziz Center for Science and Technology, presso l’Università di Edinburgo ed ad Arlington alla National Scienze Foundation a  Tokio presso il Marine Mammal Center.